Trasformazione Digitale

Digital Transformation Mode ON

Digital Transformation Mode ON – Forse troppo tardi in Italia

Condividi su
Business Intelligence
Digital Transoformation

La volontà di cambiare sembra esserci ed anche i buoni propositi, ma spesso non si ha conoscenza di quello che sta accadendo in un determinato momento storico.
Ieri sono stato invitato ad un dibattito a Roma sulla convergenza digitale, proprio il giorno della riapertura dei lavori.
Mi è stato chiesto, secondo Lei che cosa ha penalizzato le PMI italiane negli ultimi 5 anni ?

Da italiano, ho pensato tante cose in quel momento, così come tutti dinnanzi ad una domanda così a bruciapelo che offre tanti assist per cadere nella demagogia.

Da professionista ho risposto che tra i tanti fattori uno di quelli predominanti è stato il non cogliere sin da subito, con investimenti adeguati, tutte le opportunità che la trasformazione digitale e l’adozione di nuove tecnologie  avrebbero ripagato  sicuramente nel breve/medio termine.

Il loro stupore, mi ha “costretto” a ricostruire quelli che per me, erano stati i vari stadi di avanzamento della trasformazione digitale in Italia (“costretto” non perché non volessi farlo, bensì perché ripercorrendo a ritroso il fallimento di molte realtà produttive non è stato bello. Poi ho pensato, molte aziende sono ancora in tempo!) :

 

IL BUSINESS DI SEMPRE

Le aziende operano con una metodologia consolidata nell’approccio con clienti, processi, metriche, modelli di business e tecnologia, ritenendo che rimanga sempre la più efficace, soprattutto confrontata con tecniche più evolute in ambito tecnologico.

IL PORTAFOGLIO CLIENTI INIZIA A DIMINUIRE O A MOSTRARE MALUMORE

Le aziende, in considerazione del trend negativo e confrontandosi con la concorrenza, iniziano una fase di sperimentazione da affiancare alla metodologia tradizionale, ma credendoci poco e investendo poco o nulla.
I dipendenti che mostrano maggior propensione all’innovazione, in maniera quasi inconscia iniziano ad individuare specifici touch-point e colli di bottiglia di alcuni processi.

INIZIA LA SPERIMENTAZIONE, SENZA LA PIENA APPROVAZIONE DI TUTTI

La sperimentazione diventa intenzionale per i collaboratori più promettenti e capaci. L’iniziativa diventa sempre più audace e, di conseguenza, la rete commerciale cerca  supporto esecutivo (una persona di riferimento) e strumenti  per nuove fonti e tecnologie finalizzate a migliorare la conoscenza, la concorrenza, il mercato in genere e necessità dei clienti.

LA SPERIMENTAZIONE IN MANCANZA DI UN SUPPORTO SPECIALIZZATO GENERA INTERAZIONE

I singoli gruppi riconoscono la forza della sinergia così come quella delle loro ricerca fatte in modalità old style. Il duro lavoro dei meritevoli e nel contempo, inconsapevoli pionieri all’interno della propria azienda, inizia a portare i primi risultati e contribuisce alla definizione di nuove roadmap strategiche, che possono essere praticate o con un ampliamento di organico old style o investendo in un  vero e proprio piano di trasformazione digitale, finalizzata a ridurre  sforzi, massimizzare il rendimento degli investimenti ed aumentare il valore della produzione(Fatturato) e relativi indicatori, oltre a ridurre i costi

LA CONVERGENZA E LA TRASFORMAZIONE, VOLENTE O NOLENTE, DIVENTANO UN PASSAGGIO OBBLIGATO

Si crea un team dedicato alla trasformazione digitale per progettare e guidare le strategie e pianificare operazioni basate su obiettivi aziendali ed orientati al cliente. La nuova infrastruttura dell’organizzazione prende forma in termini di ruoli, competenze, modelli, processi e sistemi.

METODOLOGIA INNOVATIVA ED ADATTIVA

La trasformazione digitale diventa il modello di organizzazione primario, con manager e persone qualificate a seguire i continui cambiamenti. L’azienda ha sviluppato al suo interno un favoloso ecosistema per essere pro attivi, identificare e progettare strumenti sempre più evoluti per stare sempre al passo con la domanda del mercato,con la tecnologia stessa ed i nuovi trend in termini di richieste, di comunicazione, di posizionamento, di branding ed integrazione con il mondo esterno.

Pasquale Aiello
Digital Transformation Manager

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *