Trasformazione Digitale

Digital Transformation Mode ON

Da Competitive Advantage a Collaborative Advantage

Condividi su

Dal Professor Michael Porter al Professor Danilo Verga, formare gli imprenditori.

Ripercorrendo a ritroso l’evolouzione e l’involuzione delle imprese italiane negli ultimi 5 anni, ho voluto approfondire alcuni aspetti culturali che sono alla base di questi cambiamenti.

Ho trovato un intervento di Danilo Verga di qualche anno fa che va dritto al punto, dopo aver avuto un incontro personale con il Professore stesso, profeta in patria.

In questi anni le aziende che non hanno colto il suo messaggio o hanno chiuso battenti o sono in procinto di …

Purtoppo non sono in molti ad avere spiccate abilità nella gestione delle relazioni con i clienti stategici o nello sviluppo congiunto di strategie innovative con i partners.
Le aziende che in primis hanno imparato ad essere dei buoni partner e maturare capacità relazionali che vanno oltre la siepe, oggi riescono a sviluppare sinergie con aziende che hanno acquisito o già avevano nel proprio DNA questa attitudine.
Come risultato ognuna costituisce una risorsa chiave per le altre fronteggiando il mercato con molte più armi e munizioni.
Inoltre il confronto continuo stimola non solo i giovani o meno giovani all’interno dell’azienda, ma anche gli imprenditori stessi.

Pasquale Aiello
Digital Transformation Manager

 

2 thoughts on “Da Competitive Advantage a Collaborative Advantage

  1. Nell’idrotermosanitario – settore in cui opero da 25 anni – sinergie si sono concretizzate tra distributori attraverso la costituzione di gruppi d’acquisto. Nel network produttivo le aziende hanno sempre combattuto guerre solitarie trovandosi, nelle fasi depressive, schiacciate da una domanda in forte contrazione da un lato, e da una distribuzione che ha scaricato su di loro i costi del magazzino dall’altro. Poco si e` fatto per sviluppare relazioni e sinergie sul fronte produttivo.

  2. La visione del Prof. Verga è sempre confermata dai fatti
    Complimenti al Prof.
    Con stima
    Giampaolo Carloni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *